Odi e t’amo

Odi et amo.

Quare
id faciam fortasse requiris.

Nescio,
sed fieri sentio et excrucior.

Lavanderia
di grigiori, stracci logori di dolore appesi al vento.

Il
detto e il non detto sul proscenio, ammassi di acqua e fango che non ci
riguardano, e si rifugge.

Conosciuti
agli occhi,

squarci
verbali

sferzano
volti

ignoti
all’emozione.

Il
pudore, necessario talvolta, latita: cominciano a grondare parole significative
solo se dette negli occhi di chi deve “vedere”; il resto, gli altri è ingiusto
che vedano.

Fortunatamente
lei con le parole dipinge un paesaggio, lui rievoca antiche origini e
tradizioni, lei ti immerge in un grande mare di emozioni e coloratissima flora
e fauna marine, oppure una lei ti costringe a pensare che lì, nel modo di tutti
i giorni, c’è chi soffre per grandi ingiustizie.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Aria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...