Demos e Kratos

Platone : “la democrazia nasce quando i poveri, dopo aver riportato la vittoria, uccidono alcuni avversari, altri ne cacciano in esilio e dividono con i rimanenti, a condizioni di parità il governo e le cariche pubbliche”.

bodyexercise.jpgSi sente dire, spesso, che ancora non si è riusciti a realizzare quello che il concetto di Democrazia indica; sono perfettamente d’accordo.

La parola “democrazia” deriva da due paroline greche, demos e kratos appunto, il cui significato – in relazione soprattutto al valore che attualmente si dà a “democrazia” – può essere stupefacente.

I Greci con demos indicavano i ceti poveri, i braccianti, il popolo insomma; con kratos, invece, si indicava il potere, ma nella sua accezione coercitiva.

Possiamo quindi concludere che democrazia, letteralmente, significa potere del popolo; per estensione potremmo giungere al significato di “dittatura (potere coercitivo) del popolo”.

Mi chiedo, non avendo ancora realizzato “il governo del popolo”, quale potrebbe essere il vero significato di “democrazia partecipata”?

E volendo mantenere il significato che attualmente attribuiamo a “democrazia”, potremmo mai realizzare una “democrazia partecipata”?

Per realizzarla, ogni individuo-soggetto dovrebbe essere cosciente del proprio impegno per informarsi, proporre, realizzare, controllare.

“Democrazia partecipata” non vuol dire partecipare a qualche riunione in vicinanza delle elezioni (quando i politici, per reperire voti, suonano strombazzando l'”adunata”); il vero significato risiede nella partecipazione a t t i v a fatta di informazione, di idee da proporre e da realizzare per il bene comune, di controllo dell’operato di chi mandiamo in parlamento.

Annunci

3 thoughts on “Demos e Kratos

  1. A parte che la democrazia in Grecia era più un ossimoro che una realtà sociale (riguardava un numero non esteso di cives), ma i pochi cives vivevano una democrazia veramente partecipata. Si riunivano nell’agorà e discutevano sul modo di convivere dandosi delle regole. Ma erano in pochi. Quando le società si allargano e diventano nazioni la democrazia non può che esser delegata ai rappresentanti del popolo. Oggi il termine “partecipata” potrebbe esplicitarsi in un esteso organismo di controllo composto da cittadini che periodicamente giudicano l’operato dei propri rappresentanti. Bisognerebbe tuttavia riscrivere la Costituzione.
    Ma le varie lobbies, vere registe della politica Italiana, si agiterebbero davvero per ridare al cittadino il vero potere di controllo democratico?

    • Già, bello interessante il Potere coercitivo.
      KRATOS , per estensione, la forza fisica, la violenza, i l potere e la potenza delle masse,da sempre “risorse spendibili”. Oggetto di manipolazione.
      gli abitanti dell’Italico Stivale sono storicamente assuefatti purchè “Se Magna”. La nostra è una Klepto-Kratos, da sempre.
      Sudditi fummo,siamo e saremo. Storia docet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...