Mare Dentro

Martedì 8 settembre 2004 uscì, nelle sale italiane, un film che ho visto solo ieri sera e per pura casualità.

A casa, nulla di particolare in programma, ore 21.00: sulle televisioni italiane il solito squallore anonimo.

Scorrendo la programmazione sull’EPG del digitale terrestre, all’altezza di RAI 4 (il nuovo canale RAI), desta il mio interesse, o meglio, la mia curiosità un titolo: “Mare dentro” (evocativo al massimo!!!).

La teoria che asserisce di poter intuire già dalle parole di un titolo, a parere di molti, l’intensità e la bellezza di un’opera, credo sia vera.

“Mare dentro” è uno dei film di un giovane regista cileno: Alejandro Amenábar (lo stesso di “The Others”).

Il film tratta due temi oltremodo complessi: il rapporto dell’uomo con la morte e l’eutanasia. Il protagonista, Ramon (Javier Bardem), tetraplegico da ventisei anni a causa di un tuffo dalla scogliera, lucidissimo nelle sue analisi e ricchissimo di sentimenti ed emozioni, è colui che vuole andare incontro alla morte.

Amenábar illustra l’argomento con grande intensità, ma senza moralismi, senza morbosità; riesce così a raggiungere l’animo e il labirinto di pensieri di chi ha la fortuna di vedere questa pellicola.
Da vedere, da rivedere, da rivisitare, da ascoltare, da riascoltare, da…

Ci vediamo all’Alphaville?

vicolidiroma.jpgDomani, DiciannoveOttobreDuemilasette, inizia un’interessante rassegna cinematografica all’Alphaville Cineclub di Roma che durerà sino al VentiseiOttobreDuemilasette. Mi piace segnalare questo evento perché ha un programma a dir poco “succulento”; a Via Fanfulla da Lodi Cinque, al Pigneto, a Roma, dopo ogni proiezione c’è l’incontro con i registi e gli attori delle pellicole proiettate. Ci sarà l’occasione di incontrare personaggi come Marco Bellocchio o Alessandro Haber, Piera degli Esposti o Margherita Buy, Mario Monicelli o Massimo Ghini. Domani, a esempio, alle 18.00 si proietterà “Nel nome del Padre” di Marco Bellocchio e alle 20.00 “Sorelle” dello stesso regista, mentre alle 21.30 si potranno scambiare 4ChiaCChieRe con lo stesso regista…
… ci vediamo all’ALPHAVILLE? (info: alphaville2001@libero.it)

Seventies e dintorni.

2006_donncart

Discutendo degli anni Settanta con Simone Carella,
assentandomi per un attimo dalla conversazione, ho pensato, avendolo già notato in
altri, che in tutti coloro i quali abbiano avuto un qualche importante ruolo,
in quegli anni, vi è un’intima “rinuncia” al voler continuare a proporre
l’originalità delle loro idee.

Il
virgolettato relativo alla parola rinuncia ha senso perché sono convinta che
gli interessati dell’“importante ruolo” mi censurerebbero il termine.

Negli
anni Settanta, o come direbbero gli anglofoni The Seventies, la sottoscritta
contava solo dai tredici ai ventidue anni; e, arrivando a Roma nel Settantasei,
cominciai a frequentare quel mondo affascinante che, da un corso di mimo, mi
portò a frequentare teatri e cantine per coltivare il mio interesse.

Nelle
cantine, in quel periodo, si trovavano compagnie teatrali che organizzavano
rappresentazioni che definire originali risulta riduttivo.

Simone
Carella, infatti, mi ha ricordato personaggi e situazioni che avevo nascosto in
un angolo della mente; parlando del “suo” (in quel periodo il possessivo aveva
poco significato però) Beat ’72, spazio teatrale sperimentale, ha menzionato
personaggi come Giuliano Vasilicò, Ennio Fantastichini (si quello che,
attualmente in televisione, è fra gli attori della nuova “Freccia nera”),
Franco Cordelli, Ulisse Benedetti (Teatro Colosseo a Roma), il grande Memè
Perlini che io ricordo benissimo: all’epoca ebbi l’opportunità di videre due
suoi spettacoli.

In
quegli anni fu proprio Simone a teorizzare, e mettere in pratica, l’assenza dal
palcoscenico dell’“attore”; scendendo dal palcoscenico, e mescolandosi al
pubblico, non so se il recitante si potesse definire ancora “attore”.

In
ogni caso da tutto quel fermento nacque anche un festival, quello di
Castelporziano, il Festival di poesia.

Simone,
comunque, non ha smesso di sognare e creare mentalmente location e situazioni
ipervirtuali che però non realizza, o meglio non si preoccupa di realizzare, o
preoccupandosene non sente la necessità di rappresentarle; secondo me, insomma,
è come se avesse perso il ruolo sociale del suo essere “soggetto creativo”.

“Nessuno
vuole scommettere e investire” su personaggi come Simone Carella; certo il
periodo attuale non è terreno fertile per situazioni come quelle degli anni
Settanta, ma quel senso “dell’aver già dato”, quella strisciante delusione che
affiora qui e là, tra le sue parole e quelle di altri che hanno vissuto i
Seventies, mi irrita.

Mi
irrita perché incuranti dell’eredità che non lasciano ad alcuno, delusi dal non
essere stati compresi fino in fondo; questo mi distrugge.

Un
fatto è leggere “Ecchime” di Victor Cavallo, altra cosa è assistere alla
realizzazione di “Ecchime” a teatro; sentir parlare di Memè Perlini o del
Living Theatre è un fatto, vederli in azione nei teatri o nelle strade è altra
cosa.