Ferrara

Davvero e’ stupefacente come – specialmente negli spazi virtuali – gli altri possano abusare dei “tuoi luoghi”, mentre non ti permettono neanche di leggere i “loro luoghi”.

Noto, inoltre, che non sanno nemmeno proteggere bene le proprie case virtuali se hanno bisogno di tre, quattro, cinque giorni per capire chi si connette ai propri spazi 😉

Così, semplicemente una riflessione che non cambiera’ il mio modo di essere…

Queste cose le ho gia’ viste!

“Recapitata busta con proiettile e minacce al premier”

“Esplode busta inviata alla Lega ferito un dipendente delle Poste Rivendicazione degli anarchici”

Cos’è un déjà vu?

Meccanismi che si rimettono in moto, prima delle elezioni, una confusione che non porta alcunche’ di buono… permette però ad alcuni di rimestare nella melma…

Quel Genietto del Ministro della Funzione Pubblica!

«La riforma non dovrà riguardare solo la seconda parte della Costituzione, ma anche la prima. A partire dall’articolo 1: stabilire che l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro non significa assolutamente nulla».
E certo: chissa’ se ha mai lavorato in vita sua! Dire che l’articolo 1 della Carta non significa alcunche’ è una bestemmia, è non rispettare chi lavora; probabilmente ha sempre vissuto alle spalle degli altri!

Vogliamo dargli una via d’uscita?

In fondo due negazioni affermano, E R G O: l’Art. 1 significa eccome!!!! Oppure… non conosce la lingua italiana…

Cosa vuol dire avere un metro e mezzo di statura,
ve lo rivelan gli occhi
e le battute della gente
o la curiosità di una ragazza irriverente che vi avvicina solo per un suo dubbio impertinente,
vuole scoprire se è vero quanto si dice intorno ai nani, che siano i più forniti della virtù meno apparente, fra tutte le virtù la più indecente.

Passano gli anni e i mesi e se li conti anche i minuti è triste trovarsi adulti
senza essere cresciuti la maldicenza insiste batte la lingua sul tamburo fino a dire che un nano è una carogna di sicuro perchè ha il cuore troppo.. troppo vicino al buco del culo.

Fu nelle notti insonne vegliate al lume del rancore, che preparai
gli esami e diventai procuratore, per imboccar
la strada che dalle banche di una cattedrale portan alla sacrestia, quindi alla cattedra di un tribunale
giudice finalmente…
giudice in terra del
bene e del male!

E allora la mia statura non dispezzò più buon umore a chi alla sbarra in piedi mi diceva “vostro onore” e di affidarli al boia fu un piacere del tutto mio, prima di genuflettermi nell’ora dell’addio non conoscendo
affatto la statura di Dio!.

Il precedente, senza reazione – anche…

da parte dell’interessata -, della “zoccoletta, piccola zoccola” espresso dal palco dal presidente del Consiglio non poteva che portare al fumetto che oggi vede la “ministronza” in libreria.

Tutto ciò, a mio parere, è solo la conseguenza di un certo “pensiero” che, in periodi di oscurantismo come il nostro, si abbatte sulle donne con una caccia alle streghe senza limiti.

Cogito! Ergo “politico”!

YellowFlower2009-05-30

Delle “belle” siamo costretti a sopportare… questa nostra Italia ci sorprende ogni giorno di più!!!
‘Chi fa politica deve farlo fuori dagli edifici scolatici.”
Ho sempre pensato che, dichiarando il proprio pensiero, la propria opinione, SI FA POLITICA!
Dire così espressamente che non dobbiamo pensare è un je m’accuse non indifferente!!!!