Madame, tutto è perduto fuorché…

… e invece no, anche l’onore pare si sia perso nell’oceano delle falsità. Pare che al “Venerdì” de “La Repubblica” ci sia un fantasioso – a dir poco – giornalista; leggete qui:

http://www.annalisamelandri.it/dblog/articolo.asp?articolo=613;

http://www.gennarocarotenuto.it/2719-un-mitomane-a-la-repubblica#more-2719;

http://web.presidencia.gov.co/sp/2008/julio/18/11182008.html;

http://wradio.com.co/nota.asp?id=634872.

Berlusconi redux?

Berlusconi again?

Che dire, mi pongo proprio la stessa domanda di “The Economist” che nel numero uscito ieri propone questo articolo… Leggete gente, leggete!

Italy’s president suggests an interim government, but he may be forced to call an early general election

AFP

ITALIAN heads of state have only limited powers. But one of them is the enviable ability to drive would-be prime ministers into an agony of frustrated expectations.

Ever since the fall of Romano Prodi’s centre-left government, which lost a vote of confidence in the Senate on January 24th, Italy has had, in effect, a hung parliament. There is a centre-left majority in the lower house, the Chamber of Deputies. But the confidence vote that toppled Mr Prodi’s 20-month-old administration showed it to be four votes short of the necessary majority in the Senate.

The natural response in such circumstances would seem to be to hold a new election. That is certainly what Silvio Berlusconi, the main centre-right opposition leader, is demanding—loudly. With a big lead in the opinion polls, he must fancy that he can already smell the polish on the cabinet table once again.

Yet after four days of political consultations, President Giorgio Napolitano announced on January 30th that he would ask the Senate speaker, Franco Marini, to try to form an interim government. His decision was a setback to Mr Berlusconi’s hopes of quickly regaining the power that he lost in April 2006. But it is likely to prove no more than a temporary one.

Mr Marini’s task is to try to secure enough backing for a caretaker government that would seek to pass a new electoral law. The idea is that the government would then step down ahead of an election, which could perhaps be held in June.

It is easy to see why Mr Napolitano is reluctant to send his compatriots back to the polling stations under the present electoral law. It was passed in late 2005, during the dying months of the previous Berlusconi government. This was a time when the centre-right was almost resigned to losing power the following spring.

The law’s critics argued, correctly, that the new measure was designed to make the country all but ungovernable in Mr Berlusconi’s absence. Only a decisive victory at the polls can yield a workable majority in both houses of parliament. Anything less will either produce conflicting majorities in the two chambers (which have equal political power) or a razor-thin majority in the Senate, giving immense powers of leverage to tiny parties and often to individual senators. It was this that constrained, and ultimately doomed, Mr Prodi. Even the man who drafted the 2005 law later called it “a load of rubbish”.

But that does not mean that Mr Marini will find it easy to muster the support that he needs for a government to change the law. He admitted this week that the task was “not simple”. Indeed, although he hails from the most moderate wing of the defeated centre-left majority (he is a former Christian Democratic trade unionist), Mr Marini could in some respects face even greater difficulties in parliament than Mr Prodi. Not only the parties of the centre-right but also a small Marxist party that supported the centre-left government prefer a snap election to electoral reform.

Even if Mr Marini manages to cobble together a majority, there is no guarantee that his government can deliver electoral reform. Italy’s politicians have already been trying unsuccessfully, for two years, to agree to a new system. Mr Marini would have the added handicap of needing to overcome the resistance of an angry, impatient Mr Berlusconi.

Recent opinion polls have given the media tycoon a lead of between nine and 15 percentage points. Even if an election is held under the present system, he hopes for a stable majority in both chambers that would give him another five years in office. A Florence University professor, Roberto D’Alimonte, calculates that, on the basis of the latest polls, the centre-right would have a Senate majority of at least 11 seats.

If he were allowed to go straight to the hustings, Mr Berlusconi would be able to capitalise on the negative image of a squabbling, hamstrung Prodi administration. The risk is that this might fade from voters’ minds after a few months of interim administration. And there is a danger that a Marini-led government could turn out to be more than just a stop-gap. Lamberto Dini’s 1995-96 cabinet was meant to stay in office for only a few months, but in fact it hung on for 16.

Indeed, the path of a Marini government and of any attempted electoral reform is strewn with various dangers for Mr Berlusconi and his allies. Any new electoral law would doubtless aim to curb the powers of the small parties. If the centre-right were to go along with it, that would alienate two tiny groups whose defection from the centre-left to Mr Berlusconi’s camp played a crucial part in the defeat of Mr Prodi on January 24th.

Without an agreement on new electoral rules, however, and without a fresh election, a referendum must be held by June. That could also be bad news for Mr Berlusconi. Voters are being asked to endorse a new system to give a “victors’ bonus” of parliamentary seats, not to the winning coalition as under the present system, but to the most successful single party. Mr Berlusconi has failed in his efforts to drive his centre-right allies into such a single party. So the only foreseeable beneficiary of such a change is the recently united, centre-left Democratic Party.

The party’s leader, Walter Veltroni, now mayor of Rome, is in any case a formidable opponent for Mr Berlusconi. He is almost 20 years younger, for a start. Like the media tycoon, he speaks clearly, without resort to political jargon, in a way that young voters in particular find appealing.

Even more strenuously than others, Mr Veltroni has been lobbying for delay. He does not want a vote to be held for a year or more. That would buy time in which he might hope to shuck off the damaging legacy of Mr Prodi’s final months. But the polls are revealing an idiosyncrasy that suggests this may not matter as much as might be imagined.

Large numbers of Italians now say they would back the Democratic Party, if only it would run alone. This suggests that voters want the moderate left to break free of the Marxists and radicals who were an essential, but consistently awkward, component of Mr Prodi’s coalition (even though the moderate left would probably still need them to form a government). The most recent survey of opinion in Corriere della Sera, Milan’s big newspaper, suggests that, if the Democrats ran alone, the centre-left’s overall share of the vote could be a mere 2.5 points below the centre-right’s. And that is before the campaign starts.

An early poll is still Mr Berlusconi’s best bet. But, as with any bet, one can never guarantee a profitable result.

http://www.economist.com/world/europe/displaystory.cfm?story_id=10608953

Manifesto Parlato censura i lettori.

Quanto segue merita di esser letto!!!! E ieri Il Manifesto ha pubblicato qualcosa sulla Fiera del Libro di Torino che non ho letto perché da tempo non compro più il giornale che si discosta, ormai, notevolmente da quello che penso. Il loro modo di gestire il giornale, inoltre, è catastrofico, un esempio banale: tutti i quotidiani, persino Il Messaggero, dopo le 14 sono leggibili on line, Il Manifesto no; e chi decide, ne Il Manifesto, non si rende conto che non è questo il modo per vendere più copie. Mi piacerebbe sapere chi gestisce il “marketing”; e già, anche loro devono tener conto del mercato…

Le assai discutibili opinioni di Valentino Parlato sul boicottaggio verso le istituzioni israeliane

di Germano Monti


Avrete letto sul Manifesto di ieri (si riferisce al 24 gennaio 2008) l’intervento di Valentino Parlato contro la proposta di boicottaggio della prossima Fiera del Libro di Torino, in cui lo Stato di Israele sarà l’ospite d’onore, per festeggiare i 60 anni della sua “indipendenza”. Naturalmente, non è in questione il diritto di Parlato di avere una sua opinione e di esprimerla sul quotidiano che ha contribuito a fondare, ma alcune cose sono decisamente inaccettabili.
In primo luogo, Parlato spiega la sua avversione al boicottaggio dello Stato di Israele (non del singolo evento della Fiera!) con la differenza fra quello che fanno gli Israeliani rispetto a quanto facevano i razzisti sudafricani, e già qui ci sarebbe molto da discutere; in secondo luogo – e questo non possiamo proprio mandarlo giù – cita le persecuzioni europee contro gli Ebrei, i ghetti e i campi di sterminio. Io non credo che chi – come il sottoscritto – da anni compra tutti i giorni il Manifesto per leggere qualcosa di diverso da quello che si trova sulle pagine peggiori del Corriere della Sera o di Repubblica, meriti di essere trattato come una specie di criptonazista solo perchè sostiene i diritti dei Palestinesi non solo a chiacchiere.
Infine, il Manifesto è solito non pubblicare quanto scrivono i suoi lettori (molti) che contestano certi articoli, come quello di Parlato, ed anche questo mi sembra inaccettabile.
Per questi motivi, avanzo una proposta semplice semplice: qualora il Manifesto non desse spazio entro domenica prossima, 27 gennaio, alle numerose lettere di protesta che (lo so per certo) gli sono state inviate dopo l’infelice intervento di Parlato, lanciamo un appello per due giornate di “avvertimento”, vale a dire che per due giorni ci si asterrà dal comprare il giornale. Credo, come suggeritomi da un compagno di Roma, che i giorni migliori per lanciare questo avvertimento siano sabato 2 e domenica 3 febbraio, primo anniversario della scomparsa di Stefano Chiarini, i cui articoli e reportages costituivano uno degli stimoli più validi per acquistare il giornale e che, sul boicottaggio di Israele, ha sempre pensato e scritto esattamente ciò che Parlato ritiene essere paranazista. Credo che questa iniziativa non solo farebbe capire a Parlato e quelli come lui che i lettori del Manifesto non sono gli stessi del Corriere della Sera, ma rafforzerebbe anche i compagni che, in quel giornale anche dopo la scomparsa di Stefano, offrono sulla Palestina un’informazione preziosa e fuori dal coro.

Da Il Manifesto

Un boicottaggio sbagliato

Valentino Parlato

La Fiera internazionale del libro di Torino avrà il suo svolgimento dall’8 al 12 maggio, ma già sta scatenando discussioni e polemiche, che hanno investito anche il nostro, tenace e tollerante, collettivo. La fiera si apre nel 60° anniversario della fondazione dello stato di Israele e quindi, inevitabilmente, si riapre la questione palestinese. Dopo la seconda guerra mondiale e il massacro degli ebrei, riconoscere agli ebrei il diritto ad avere un territorio e uno stato era obbligatorio. Anche Stalin fu a favore della costruzione dello stato di Israele, contraria – e non è affatto secondario – fu l’Inghilterra la quale – è una mia memoria personale – per sostenere che il mondo arabo non avrebbe accettato uno stato ebraico favorì grandi manifestazioni di opposizione, e a Tripoli (dove allora abitavo) un sanguinoso pogrom antiebraico nella complice indifferenza delle autorità militari britanniche.
La polemica che si è aperta oggi, è sul boicottaggio di questa Fiera del Libro, che dà a Israele un posto d’onore con il rischio di una legittimazione letteraria della sua politica. Dico subito che non ho nessuna posizione di principio contro il boicottaggio, contro i bianchi razzisti sudafricani era più che giusto. C’è boicottaggio e boicottaggio e, quindi, sono del tutto contrario al boicottaggio di questa fiera del libro (il libro va sempre rispettato) e contro lo stato di Israele. Gli israeliani – che sono sempre ebrei – per quanti torti abbiano nei confronti del popolo palestinese non sono in alcun modo paragonabili ai razzisti sudafricani e poi – un poi che non possiamo dimenticare e sul quale noi europei e quelli di noi che si dichiarano cristiani e cattolici – c’è la storica persecuzione del popolo ebraico, ci sono i ghetti e i campi di sterminio. E qui mi torna buono ricordare quel che mi disse in un’intervista al manifesto il Rabbino capo di Roma. Nel ghetto di Varsavia l’ultimo canto che gli ebrei intonarono fu l’Internazionale. Poi furono massacrati dai tedeschi.

Quindi profittiamo di questa Fiera internazionale del libro di Torino per discutere, per criticare la politica dello stato di Israele, per difendere i diritti dei palestinesi, che in questi territori sembrano diventati i nuovi ebrei. Discutiamo, scontriamoci, ma mandiamo al diavolo il boicottaggio. Non solo perché gli israeliani sono ebrei e non afrikaner, ma anche perché il boicottaggio è muto. È un no senza argomenti. A Torino ci saranno scrittori ebrei di grande levatura e con loro dobbiamo discutere, ragionare, polemizzare, difendere i diritti del popolo palestinese. Mi rendo conto delle paure ancestrali della gente di Israele. Mi rendo conto della loro paura – me lo disse un bravo ambasciatore di Israele a Roma – di essere i nuovi crociati. Credo di capire, ma Israele deve essere più ebrea con i palestinesi. Li deve sentire parenti stretti. Ma proprio per tutto questo il boicottaggio serve solo a fare il danno dei palestinesi e degli israeliani.

valentino parlato

Tre giorni di grasse risate… ma anche di sconforto.

Il quotidiano “Il Manifesto” ha avuto un’idea brillante…!!! – il corsivo serve a sottolineare l’ironia sulla brillantezza – Ha avuto la brillante idea di unire al quotidiano un album di figurine.

Si, avete capito bene, proprio un album di figurine, a pagamento ovviamente perché sono sempre più a corto di soldi, nessuno li legge più ormai. 

La testata, c’era da aspettarselo, si è beccata tutta l’ironia di coloro che vedono in questo evento un “obnubilamento cerebrale” di coloro che redigono il giornale.

Ho poi letto un articolo della Gubbini che, sinceramente, mi lascia molto perplessa… ecco l’indirizzo, se volete leggerlo: è qui .

Avvilitamente vostra RedPrimrose, o sarebbe meglio dire PinkPrimrose: Primula Rossa impallidita dallo sconforto… quindi PinkPrimrose.