E il cielo è sempre più blu…

PassCampania-RitornoVelia_CostieraCilentana

(Il peperoncino, quello dello specchietto, serve per gli scongiuri!!!!!)

uu uu uu

la Rai è in fermento,
c’è uno smarrimento,
per un ministro scontento,
che non mostra gradimento
per la verità sullo schermo

ma il cielo è sempre più blu uu uu uu

e di giorno le donne
sembrano madonne
ma nella notte insonne
di uomini dabbene
sconfiggono la morale
e costringono al male

e il cielo è sempre più blu uu uu uu

e poi che dire
non resta che inveire
per quell’orrore da non reiterare
di gente su gente che non ha fatto niente
e solo per fame o per colore
deve subire terrore

e il cielo è sempre più blu uu uu uu …

Abbiate pazienza, sono reduce da una settimana che avrebbe potuto farmi rasentare la follia, è il primo sabato di “non far nulla”! Comprendetemi!
Ma il 3 ottobre non avrò tempo…

Annunci

Circuiti in corto.

La Luna Nel Lago

La Luna Nel Lago

Cozzano,
l’un l’altra contro
mura:
di indifferenza, di egoismo.

Circuiti in corto.

Corpo a corpo,
delirio d’emozioni,
infrange
sodali tolleranti promesse.

La linea retta involve: è cerchio.

Orgogli e demagogie
presunzione
religioni, frustrazioni
schiacciano
parvenze d’umanità.

Pacata notte lunare.

Fosforii azzurro violacei
– petali cynerini –
rifrangono
pacata notte lunare
appena sorta.

Passi lenti
infilano
viottoli campestri                                                         appena solcati,
cadenzano
moti d’istinto e ragione
di uomini di
coltura e cultura.

Pensieri e gesta d’armonia
innalzano menti,
rincorrono il sogno.

Il Colpo – Assorta a pensare…

il colpo… in banca, alle poste…
il colpo… di mano,
il colpo… di genio,
il colpo… della strega (un dolore incredibile!),
il colpo… di pistola,
il colpo… apoplettico ( ci resti secco!!),
il colpo… al cuore,
il colpo… di fortuna,
il colpo… di fulmine,
il colpo… di sonno,
il colpo… di spugna (questo sì che cancella tutto!),
il colpo… di coda, ma anche di c…,
il colpo… di calore (d’estate è piuttosto difficile evitarlo! sarà forse che ne soffra proprio oggi?),
il colpo… di sonno,
il colpo… mortale,
il colpo… di stato (!!?°#@ç§$??!!!!),
il colpo… gobbo,
il colpo… grosso,
il colpo… da maestro.
E’ forse per questo ultimo colpo che alcuni autori (dai pittori ai poeti, dagli scrittori ai musicisti, etc. etc) intitolano alcune proprie creazioni “Il colpo”? BHA! Che infelice idea!
L’unico lavoro il cui titolo ho trovato azzeccato è – appunto – il film “Il colpo”. 😉

Storie comuni.

Raggi riflettono specchi,
sospesi pulviscoli di luce,
l’aria muove candide lenzuola;
lunghi capelli sbattono lavatoi,
ritmano
dolore di donne;
… e la mamma cantava.

Occhi di bimba sgranati
– chiaroscuri d’emozione –
ricolmi
(panneggi d’allegria)
rincorrono
note armoniche silenziose;
… e la mamma cantava.

A oriente donne ricurve
sollevano
albe di germogli odorosi,
del lavoro quotidiano
ondeggia il vocìo di storie comuni;
… e la mamma cantava.